cosa vedere a praga
cosa vedere a praga

Cosa vedere fare e mangiare a Praga in 1, 2 o 3 giorni o nel week end? Ecco i nostri consigli!

Quando si va in una grande e ricca città come Praga, la prima domanda che ci si pone è: cosa vedere a Praga in 1, 2 o 3 giorni o nel week end? Con questa guida vi aiutiamo noi a scoprire tutti i luoghi di interesse.

Dove si trova Praga? Praga è un gioiello magico che splende proprio al centro dell’Europa. Perché magico? Semplice, perché tutta la storia della città, fin dalla sua nascita può essere raccontata attraverso splendide leggende. Cominciamo dal nome, (Praha) che significa soglia, ricorda la fondazione della città voluta dalla principessa Libuše, una donna saggia e di grande bellezza ai cui sono attribuiti misteriosi poteri magici. La soglia era quella di una casa in costruzione, dove oggi sorge il famoso Vicolo d’Oro.

Ma Praga non è solo mitologia, è anche e soprattutto una capitale accogliente, sicura, con monumenti ricchi di storia e bellezza e avvenimenti culturali. 

La Città Vecchia di Praga

Stare Mesto, che in ceco significa Città Vecchia è uno dei quartieri più famosi di Praga. Il centro del quartiere è la Piazza della Città Vecchia, da sempre luogo degli avvenimenti più importanti di Praga: dalle incoronazioni dei sovrani alle esecuzioni dei condannati.

L’intero quartiere è una ricca sovrapposizione di stili architettonici che si intrecciano per tutta la piazza, anche se l’aspetto è sempre molto preciso ed equilibrato. Oggi l’attrazione principale è l’orologio astronomico del Municipio che ogni ora permette alle statuette dei personaggi religiosi e civili di inseguirsi in un antico e magnifico rituale.

Malá Strana

Malá Strana in ceco significa “Parte Piccola” ed è il nome con cui dal trecento si identifica questa parte di Praga per differenziarla da Nove Mesto, la Città Nuova.

L’attuale aspetto barocco e rinascimentale è il frutto del lavoro di artisti e architetti, che si unirono per ricostruirla dopo il grande incendio del 1541 e da allora sembra che il tempo si sia fermato perché gli uomini e la natura hanno lasciato questo posto uguale a quando è stato ricostruito.

Malá Strana è un piccolo gioiello con piazzette, splendidi palazzi e angoli romantici. Al centro sorge la Chiesa di San Nicola che divide Malá Strana in due parti, su tutto il quartiere, però, si impone la struttura del Castello di Praga, a cui si arriva con splendide, ma a volte ripide, salite panoramiche.

 Il Castello di Praga

Il Castello di Praga è da sempre il simbolo del potere e chi ha mai letto un libro del grande scrittore ceco Kafka ne riconoscerà la cupa e inquietante presenza che fa da sfondo in quasi tutti i suoi romanzi.

Arrivarci e visitarlo non è semplice, infatti il Castello è circondato da lunghe strade ripide, tra cui la splendida e faticosa Via Nerudova, che conducono alla scoperta di questo luogo in cui da secoli si confondono storia e leggenda, sacro e profano. Ne è un esempio l’unione tra la Cattedrale di San Vito, simbolo della religiosità ceca, e il Vicolo D’Oro, dove gli alchimisti voluti da Rodolfo II cercavano l’elisir di lunga vita e la formula magica per trasformare i metalli in oro.

La casa danzante

Lo sapevate che a Praga c’è una Casa Danzante? No, non è un edificio che si muove a suo piacimento, ma uno straordinario esempio di creazione architettonica dedicato alla grande coppia del ballo formata da Ginger Rogers e Fred Astaire.

Progettato e realizzato dall’architetto F.O Gerhy, lo stesso del Museo Guggenheim di Bilbao, è formato da due palazzi che sembrano una coppia di danzatori. Uno dei palazzi si protende verso l’altro, che immobile aspetta l’abbraccio dell’altro. Un’altra cosa che colpisce molto di questo palazzo è la sua modernità perfettamente integrata con tutti i palazzi circostanti, tutti datati 1800.

Cosa mangiare a Praga

Praga è ricca di ristoranti, pub e birrerie che costellano i percorsi turistici del centro storico eche offrono saporiti e molto calorici piatti tipici di Praga.

Da provare assolutamente è la carne di maiale, servita arrosto e accompagnata da gnocchi di pasta lievitatapatate o crauti. Il dolce più diffuso è la crépe con marmellata, cioccolato o fragole. Se si vuole finire in bellezza non si può rifiutare un bicchierino di slivovice, il tipico liquore alle prugne o di Becherovka, un liquoroso amaro alle erbe.

Dove dormire a Praga

Rispetto alle altre capitali europee Praga offre una vasta offerta di hotel, B&B, e ostelli a prezzi molto modici. La zona migliore in cui dormire a Praga è quella che comprende la parte centrale della città: Malá Strana, la zona del Castello e la Città Vecchia. Qui gli hotel sono lievemente più cari (dai 90 ai 120 euro a notte) ma hanno il vantaggio di una maggiore privacy, quasi totalmente assente negli ostelli delle zone periferiche.

Una città ricca di storia, tradizioni e bellezza. Una città dove l’arte si mescola con la magia e che non deve essere solo visitata, ma vissuta in pieno con la sua storia, la sua natura, le sue architetture e i suoi intensi sapori.